[First Look] Rose Uncle Jimbo 2

[First Look] Rose Uncle Jimbo 2

24/02/2015
Whatsapp
24/02/2015

 

Oltre alla colorazione in foto, la UJ è disponibile in finitura alluminio spazzolato (raw)

Oltre alla colorazione in foto, la UJ è disponibile in finitura alluminio spazzolato (raw)

Dopo Giant Reign, Cannondale Jekyll e Cube Elite, eccoci a presentarvi un’altra bici che nel 2015 verrà utilizzata come “laboratorio” per i test sulla componentistca ed al contempo sottoposta a test di durata.

Esteticamente parlando, la Rose Uncle Jimbo 2015 segna un netto punto di rottura rispetto ai modelli degli anni scorsi. Nuovo è anche il formato ruota, ora 650b, mentre l’escursione posteriore sale a 165 mm.

Le quote geometriche, moderne ma non esasperate, sono volte a mantenere un buon grado di polivalenza. Oltre all’angolo sterzo aperto “il giusto”, troviamo infatti valori di interasse e di chainstay relativamente contenuti, i quali dovrebbero garantire una buona agilità e la capacità di cavarsela brillantemente anche sui tortuosi sentieri alpini.

foto_geotabella_geo

fasce00001

Rose punta molto sul rapporto qualità/prezzo dei propri prodotti, e per questo motivo ci è stata fornita una Uncle Jimbo 2 invece della più costosa top di gamma UJ 3. La sfida era infatti quella di ottenere un mezzo sulla carta performante ad un prezzo relativamente contenuto. Ci siamo quindi messi nei panni di un potenziale acquirente e, giocando con il configuratore on-line, abbiamo richiesto una paio di modifiche rispetto al montaggio standard.

La più importante è sicuramente la sostituzione delle ruote originali, robuste ma piuttosto pesanti, con delle DT Swiss EX 1501 Spline One “tubeless ready”. Di secondaria importanza, e sostanzialmente per una questione di abbinamenti cromatici con le nuove ruote, la sostituzione di piega e stem originali Spank con componenti Race Face.

Il prezzo della bici così configurata sale da 2459 Euro a 2797 Euro. Una cifra comunque contenuta per una enduro che, montata con doppia e componentistica funzionale ma non ultraleggera, ferma l’ago della bilancia a 13.80 kg (se proseguite nella lettura scoprirete come, con poca spesa, sia possibile dare un’ulteriore limata al peso).

La presentazione che faremo di seguito si riferisce alla bici come da noi richiesta, ma come detto il montaggio si evolverà nel tempo in base alla componentistica che avremo in test (alcune anticipazioni le troverete di seguito).

IMG_1009_res

Lo schema della sospensione posteriore rimane il collaudato giunto Horst, mentre la biella di rinvio dell’ammortizzatore è ora infulcrata sul seat tube e non più sul top tube come gli anni scorsi.

collage

Notare il massiccio dimensionamento in zona movimento centrale, che abbinato ai due ponticelli sui foderi superiori e ad un generoso joke su quelli inferiori, dovrebbe garantire una buona rigidità generale.

IMG_1012_res

La UJ 2 è equipaggiata con un RS Monarch Plus RC3 Debon Air. Come spiegato in questo articolo di Daniel Naftali ed in questo articolo di Ian Collins, è possibile modificarne la curva di compressione giocando con gli spacer interni.

fork_collage

Leggera, affidabile e dalle buone prestazioni, la Pike è una forcella che nelle ultime stagioni si è guadagnata una solida reputazione. Sulla UJ 2 la troviamo in versione RCT3 Dual Position, quindi abbassabile di 30 mm tramite il comando posto in cima allo stelo sinistro. Se da un lato il travel variabile è un bel vantaggio sulle salite lunghe e ripide, dall’altro si perde la possibilità di modificare la risposta elastica della forcella mediante i famosi token, inseribili invece nella versione Solo Air a travel fisso. Vedremo se ne sentiremo o meno la necessità…

Il termine di paragone per la Pike sarà impegnativo, visto che abbiamo in previsione di alternarla a questa Fox 36 Float RC2 . In previsione anche il test della Suntour Auron.

IMG_0999_res

Al pari della forcella abbassabile, la doppia 24/36 fa intuire che ci troviamo di fronte ad un allestimento pensato (anche) per lunghi ed impegnativi tour alpini. La Race Face Respond non è un mostro di leggerezza, ma dovrebbe garantire buone doti di resistenza ed affidabilità (è indicata anche per uso DH…). Con una sessantina d’Euro Rose permette di montare una doppia Shimano XT: a nostro giudizio un buon investimento considerato che, pur ipotizzando di integrarla con un taco a protezione della corona, si tirerebbero giù almeno un paio d’etti. Per quanto ci riguarda non ci siamo preoccupati più di tanto, visto che abbiamo in previsione il test di durata di una singola FSA in carbonio su gruppo SRAM X1.

IMG_1019_res

IMG_1077_res

Le DT Swiss EX 1501 Spline One sono state la nostra scelta in sostituzione delle Spank Spike Race 28 previste “di serie”. Se siete disposti a concedervi 300 Euro di bonus, questo è a nostro giudizio il modo migliore di giocarseli.

Le DT Swiss saranno affiancate da un secondo set dell’italiana CYP, della quale abbiamo già testato le SixSigma Enduro 2014

IMG_1062_res

La trasmissione è Shimano con un affidabile mix SLX/XT. Al primo gruppo appartengono i comandi cambio ed il pacco pignoni; deragliatore, cambio e catena sono invece XT. Abbiamo tentato di farci montare un cambio a gabbia media, ma Rose si attiene strettamente alle specifiche Shimano le quali prevedono, per questa combinazione di rapporti, la gabbia lunga. La cosa può infastidire, ma dal loro punto di vista è comprensibile. Come anticipato al capitolo guarnitura, verrà comunque montato un gruppo SRAM X1 per la prosecuzione di un test di durata.

IMG_0978_res

Per quanto riguarda ruote, stem e piega, la configurazione originale prevede un trittico Spank dello stesso colore verde. Avendo fatto montare delle ruote diverse, per evitare l’effetto arlecchino ci è stata proposta l’accoppiata stem/piega Race Face Atlas adottata anche sulla top di gamma UJ 3. Come detto non si tratta di una modifica di fondamentale importanza, ma tutto sommato anche l’aggravio di costo è contenuto.

IMG_1015_res

Con dei Formula T1 da 203/180 mm non dovremmo avere grosse difficoltà a fermarci. Condivisibile la scelta di montare un disco di diametro inferiore al posteriore: si risparmiano una manciata di grammi, ma soprattutto si guadagna in modulabilità ed è meno esposto agli urti.

IMG_1075_res1

Coperture Schwalbe Hans Dampf Tubeless Easy con mescola differenziata fra anteriore e posteriore. Mentre al posteriore sono un buon compromesso fra scorrevolezza e tenuta, davanti mostrano qualche limite sui fondi allentati.

collage_reverb

Sullo stracollaudato Rock Shox Reverb crediamo ci sia ben poco da dire, se non che abbiamo richiesto la versione da 150 mm di corsa.

IMG_0987_res

Sella Rose Light. A dispetto del nome, con 290 g di peso (dichiarati) non si tratta di un modello particolarmente leggero. In compenso è comoda. Anche in questo caso ci sentiamo di darvi una dritta: con un’aggiunta di 5 Euro (sì, cinque) è possibile far montare una SDG Circuit MTN circa 60 g più leggera.

IMG_0997_res

Chi scrive non ha mai avuto un buon feeling con le manopole Ergon, soprattutto per via del collarino esterno. Su questa versione il collarino è stato spostato sul lato interno, ma nell’eventualità un paio di ottime A’me Tri  sono già pronte per il montaggio.

Pedali flat Reverse Escape ed spd Shimano XT Trail completano il montaggio (i pedali non sono in dotazione con la bici).

Prezzo Uncle Jimbo 2 in versione “base”: 2.459 Euro

Prezzo con gli upgrade da noi richiesti: 2.797 Euro

Peso rilevato (senza pedali): 13.8 kg

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
albertocave
albertocave

più la guardo e più mi convinco che sul top tube deve essersi seduto Giuliano Ferrara…

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@albertocave Il top tube così curvato può non piacere, ma tecnicamente ha il suo perché: si abbassa la quota di standover e si evita che le leve freno vi sbattano contro in caso di rotazione del manubrio oltre i 90°, cosa non rara su modelli dotati di gobbe e gobbette varie.

EDIT: la grafica inoltre non aiuta, con quelle strisce che accentuano l’incavo. Da quel punto di vista potevano fare di meglio.

albertocave
albertocave

la mia mtb ha il top tube simile ed evita l’urto delle leve freno, ma è “curvato” con un po più di grazia… comunque rientriamo nel campo del gusto, seguendo il magazine so che guidi con soddisfazione una uj e da questo capisco che a te piace. A me non dicono molto le linee rose, ma come detto siamo nel gusto personale e assolutamente non criticabile.
Il commento voleva solo essere ironico, non criticare la rose sotto qualche aspetto tecnico

albertocave
albertocave

non *intendevo* criticare…

miki99
miki99

In termini di resistenza e di rigidità non mi sembra il massimo però…

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@sogre Perché?

jledenham
jledenham

sono curioso anche, io.. ha più ponti questa sul carro che manhattan sull’hudson..

miki99
miki99

Perché si, senza cominciare a fare corsi di meccanica un tubo piegato in questo modo indebolisce parecchio il triangolo del telaio. Poi che i progettisti hanno dimensionato tutto in modo che sia anche robusto è probabile.
Io il tubo lo facevo dritto fino allo snodo del leveraggio della sospensione e aggiungevo un piccolo tubo diagonale per rinforzare il tubo sella. Gusti miei…

jledenham
jledenham

ah che dire, i gusti sono gusti..
“perchè si” è il top! 😉

rinaldo1987
rinaldo1987

Perchè si!!.. tutti questi costruttori che utilizzano i tubi ”piegati” sicuramente non hanno seguito bene (o peggio addirittura niente) il corso di meccanica applicata! ahahahaha

jledenham
jledenham

grande rinaldo! ma meccanica applicata centra poco! é comportamento meccanico e\o tecnologia dei materiali.
ahahah 😉

Fiore28
Fiore28

Senza dubbio si tratta di un’ottima bici, ma per i miei gusti non si guarda davvero! Marchi come Canyon o YT oltre a fare gran mezzi a prezzi eccezionali riescono a tener conto del fatto che anche l’occhio vuole la sua parte…poi ovviamente i gusti son gusti.

grillogi
grillogi

La trovo davvero un’ottima bici, sono stato in ballo mesi per prenderla o meno ma esteticamente non mi ha mai troppo convinto e alla fine sono andato su altro, le manca giusto un po’ di carattere

mukabastrica
mukabastrica

chi mi spiega per quale motivo le ruote spank non vi soddisfano? le consigliereste per uso AM?

A quanto vedo sono l’unico a cui piace la nuova linea delle rose insomma.. 😀

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@BigEyes Nulla contro le Spank, ma come spiegato nell’articolo con le DT Swiss si risparmia un bel po’ di peso proprio dove più conta (365 g, stando ai dati dichiarati dalle case).

scylla
scylla

A me come bici non dispiace, stavo guardando la 3, pari a 3.894,78 €, ma se penso che per quei soldi ho la capra o la strive cf carbon….forse se costasse sui 2600-2700 ci farei un pensiero

Rose Italia
Rose Italia

per onor di cronaca – a “parità” di montaggio della Uncle Jimbo 3: con Canyon sei 1.000 euro sopra, con YT non si possono fare paragoni diretti in quanto non hanno montaggio come la Rose. ciao
Sergio

scylla
scylla

si, c’è solo la strive che costa qlcs in più con gli stessi cerchi mavic, io intendevo che per quella cifra si hanno delle ottime bici in carbonio ben equipaggiate.
Cmq quella in versione raw, magari in sconto a fine anno un pensiero lo farei

Alia117
Alia117

Qualcosa in più sono 1.000 euro, se per te è qualcosa in più…visto le quotazioni dei telai in carbonio, non mi sembra ci sia qualcosa che non va…

scylla
scylla

si ok ma è un telaio in carbonio e con tecnologia proprietaria shapeshifter, le mavic costano 700/800 da sole….

rinaldo1987
rinaldo1987

Ma si infatti 1000 euro in più o in meno cosa vuoi che sia 😉

albert.thesunfish
albert.thesunfish

A me piace, io ho la soul fire che è 3 kg in più ma la pedalo anche in giri lunghi sicuramente senza dover far dei record in salita, ma vi assicuro che quando si scende trita tutto ed è una goduria e l’assistenza rose in caso di bisogno è da 10 e lode.

Violator78
Violator78

@ Mauro Franzi Ti ritrovi con le indicazioni che danno per la taglia in base alla statura? Mi piacerebbe una enduro versatile e pedalabile e quindi sono orientato verso Specy (su cui metterei forca abbassabile) o Strive. Troveresti sensato un paragone con la Specy che avete inserito nella comparativa? Grazie

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Bumbel Io sono ben “centrato” sulla L, quindi per me è facile dirti che mi trovo bene. Diciamo comunque che sono taglie abbastanza “reali” e le indicazioni che danno mi sembrano corrette. Poi è chiaro che per chi si trova a cavallo fra due taglie le cose sono sempre un po’ più complicate.
Il paragone in casa Specy è la Enduro 27.5″

MarcoM85BG
MarcoM85BG

@Mauro: ottimo report! Per completare il cerchio quali sono le tue misure? Altezza e cavallo?

@Sergio: stima per l’ottima assistenza pre-vendita, mi hai sempre risposto velocissimo… Da parte mia sorry perchè non ho ancora comprato… Purtroppo! Ora avete per caso inserito nel configuratore o nel catalogo qualche altra interessante forcella dal rapporto qualità/prezzo accattivante come la Manitou Mattoc Expert o Pro, le Marzocchi 350 CR/NCR o la Suntour Auron? La Sweep sulla UJ1 rimane cmq un’ottima scelta, ma questa possibilità darebbe sicuramente a Rose un’altra marcia sulla vendita dei modelli base!

Ciao e grazie ancora a entrambi.
MM

Rose Italia
Rose Italia

grazie 🙂 Manitou e Marzocchi? no mi spiace. per il resto trovi il configuratore online. ciao
Sergio

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ok grazie lo stesso! …Quindi la Suntour Auron è a catalogo? Anche se personalmente preferisco ancora la Sweep quindi il problema non mi si pone… Però il configuratore ne gioverebbe! Poi certo, parliamo di dettagli… Già funziona molto molto bene! Se posso permettermi, io vorrei trovarci anche questo taco bash per completare le guarniture doppie senza protezioni:
http://www.blackspire.com/BRUISER
Spero ti tornino utili queste info dei rompi come me… Ciao!

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@MarcoM85BG Grazie! Sono alto circa 186 cm, il cavallo francamente non ricordo.

MarcoM85BG
MarcoM85BG

ehehheh… Bel dilemma che mi poni ora… Io 187 e 91 di cavallo: sproporzionatissimo!! E propendo (propendevo) per una XL con 620 di OV.
Grazie dell’info!
Marco

jledenham
jledenham

allora, molto bella ma ho un paio di perplessità col montaggio:
-il cambio a gabbia lunga ok che è richiesto da shimano ma mi fa paura
-la forca boh.. se è pedalabile come ho letto altrove meglio la 160 non abbassabile ma regolabile
-se uno la volesse tipo montata x1, ho visto che non c’è nel configuratore.

Rose Italia
Rose Italia

“se uno la volesse tipo montata x1, ho visto che non c’è nel configuratore.”

basta chiedere preventivo via email. Creiamo la tua fuoriserie. proprio come vuoi tu 🙂

ciao
Sergio

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@D.K.
_cambio: anch’io avrei preferito il gabbia media, tanto più che in passato l’ho abbondantemente utilizzato con la stessa combinazione di rapporti senza mai avere problemi. Il loro punto di vista è però comprensibile, soprattutto in ottica garanzia.
_forca: qui sono sQuole di pensiero che si scontrano. Chi sostiene che il travel regolabile è del tutto superfluo e chi lo vede come una manna dal cielo. Io stesso alla fine di certe giornate mi sono fatto un’idea, alla fine di altre l’idea opposta. In fin dei conti non credo esista una verità assoluta, trattandosi di una funzionalità che può o meno venire apprezzata in funzione di pendenza delle salite, lunghezza, corporatura, allenamento etc.
_X1: ti ha risposto Rose. Nell’articolo non l’ho scritto pensando che ormai fosse cosa nota, ma in effetti le possibilità di customizzazione della bici non si limitano alle opzioni offerte dal configuratore.

jledenham
jledenham

Grande mauro!

qazed
qazed

se si ha voglia di modificare i token di serie si possono rendere installabili anche sulla dual position così da poter personalizzare la curva di compressione come sulla solo air.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Andrea321 Sapevo di questa possibilità, ma si tratta di una modifica “non ufficiale”. In ogni caso devo dire che la forcella mi sembra discretamente sostenuta.

scinto59

mi sapete dire come vanno modificati i token ?
….nella camera dual position se non sbaglio c’e’ un’asta diversa con una specie di tampone in più che “ruba spazio”….questo non e’ che rende già di suo la forka più progressiva rispetto ad una pike non dual position senza token?

scinto59

mi sapete dire come vanno modificati i token da mettere sulla pike dual position?
….nella camera dual position se non sbaglio c’e’ un’asta diversa con una specie di tampone in più che “ruba spazio”….questo non e’ che rende già di suo la forka più progressiva rispetto ad una pike non dual position senza token?

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@BAROLO1 Se butti in pasto a San Google “modified tokens for pike DA” dovresti trovare alcune discussioni su forum stranieri in cui se ne parla. C’è anche il contatto e-mail di un tipo di Maverick Suspension che se ne occupa in modo specifico. Tempo fa mi pare di avere anche trovato delle foto, ma ora non le vedo. Magari con un po’ di pazienza le trovi.

Non ho mai visto un confonto fra le curve delle due versioni di Pike, ma per quanto sto vedendo sulla UJ direi che la DA è discretamente sostenuta. Non so se aggiungerei dei tokens, anche avendone la possibilità (una prova per curiosità però la farei).

scinto59

si concordo che in effetti non mi sembra ne abbia bisogno….penso proprio che sia leggermente più progressiva della solo air perche’ appunto ha un volume d’aria leggermente inferiore…mi sa che la prova di riduzione ulteriore si fa prima mettendoci un po di olio .

Waugh
Waugh

L’unica cosa appetibile è il prezzo…

Gegius
Gegius

Per me è bellissima, attendo la valutazione 🙂

rinocalo
rinocalo

La “precedente” linea di Rose era discutibile in fatto di estetica, quella attuale mi sembra rispecchi più o meno le linee del momento…. a me personalmente piace molto, poi se uno non piace per carità… ma mica deve dirlo al mondo intero comunque!
Se poi si mettono in conto altri fattori come per esempio “l’assistenza” il prezzo iniziale della bici potrebbe diventare discutibile se qualcosa sfortunatamente andasse storto…

Spero che in questo test le sospensioni siano OK in modo di capire le reali prestazioni di quasta Bici 🙂

gabrireghe
gabrireghe

bella bici. la proverei volentieri..
ma la pike dual air pesa di più della single air?
lunghezza stem? dimensioni piega?
effettivamente la guarnitura sembra un po’ un mattone.. una bella hope nuova magari?

mancherebbe anche un test di durata di una bella trail bike polivalente per completare il gruppo (cube, jekyll, giant e questa).. magari con prezzo di partenza simile a questa rose..

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@gabrireghe
_Pike: sì, la Dual Air pesa qualcosina più della Solo Air
_Stem 50 mm 0° rise – piega 785 mm 1/2″ rise. Dopo le prime uscite ho sostituito lo stem con uno da 45 mm – 6° rise, dato che mi sentivo un po’ troppo sull’anteriore.
_Guarnitura: dipende tutto da quanto vuoi spendere. Come suggerito nell’articolo, una soluzione che combina ottimamente qualità, peso e prezzo è la Shimano XT: con circa 60 Euro tiri giù oltre 200 g (oltre 300 g se non metti alcuna protezione).

Per il test della trailbike mai dire mai 🙂

Paulento
Paulento

@mauro, per curiosità che stem è da 45mm con 6° di rise? perchè nell’articolo parli dell’atlas di race face ma non mi sembra esista in quella misura, o sbaglio?

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@stilgar Sì, nell’articolo menziono l’Atlas perché quella è la configurazione con cui è giunta la bici. In seguito ho montato codesto: http://ridegravity.com/portfolio-item/black-gravity-light-stem/

Paulento
Paulento

Thanks…lo proverò, perchè ho un problema simile, cioè sulla mia bici con attacco da 50 0° mi rendo conto di essere troppo sbilanciato in avanti in discesa.
anzi, se per caso te ne avanza uno da provare 🙂

vito e alloggio
vito e alloggio

Sono già cliente Rose con gioia e tripudio. Ho una Beef Cake montata esattamente come la desideravo, basta parlare con Sergio, come già detto, e trova tutte le soluzioni. Addirittura io volevo il dhx air dell’anno prima e me lo ha recuperato. In caso di necessità, vi risponderà sempre quanto prima. Rose è un’azienda eccezionale e le loro bici dal vivo sono ancora più belle. Quando sarà il momento di cambiarla (o meglio: di comprarne un’altra, perche la beef non la venderò mai), sarà questa la prima bici che prenderò in considerazione…. (a meno che l’anno prossimo non mi tirino fuori una bella soul fire 27,5)

KoRnster
KoRnster

è una delle bici che sto considerando per il futuro acquisto; se dal punto di vista estetico va a gusti (e paragonare alu e carbonio non ha molto senso dato la diversa possibilità di lavorazione dei due materiali), come qualità prezzo fin’ora ho riscontrato che sia tra le migliori (se confrontiamo con YT e CANYON sulla stessa fascia di prezzo la UJ 2 è comunque montata meglio) .. avere per di più la possibilità di cambiare componenti non ha prezzo..con meno di 2800 euro qui abbiamo un ottimo reparto sospensioni, freni e ruote top..sono curioso di vedere come si comporterà nei test di durata.. e consideriamo che l’assistenza di Rose pare sia tra le migliori dei produttori che vendono online.

Geep
Geep

A me piace, mantiene più di altri marchi una certa pragmaticità tedesca.
Però non capisco l’orizzontale così corto (600 per la L 608 per la XL).
Io mi sentirei un po’ costretto..

Rose Italia
Rose Italia

Con i telai/geometrie di nuova generazione bisogna anche confrontare i valori di reach e stack. In discesa sono questi i riferimenti da prendere in considerazione; distanza manubrio/pedali – i punti di appoggio.
In sella: con i piantoni sella che partono lontani dal movimento centrale (come le vecchie/classiche bici di qualche anno fa) e con angoli molto variabili, l’orizzontale virtuale rapportato all’altezza sella (che si ha in pedalata) può variare di molto. In pratica si potrebbe avere un arretramento sella maggiore su bici con orizzontale virtuale più corto. Ciao Sergio

Rose Italia
Rose Italia

PS: un riscontro sul campo. La Uncle Jimbo L 2015 è più “grande” della Uncle Jimbo L 2014. Anche se confrontando gli orizzontali virtuali non si direbbe.

gabrireghe
gabrireghe

non ho capito molto bene sinceramente

Rose Italia
Rose Italia

in breve: nel paragonare le geometrie delle bici, confrontare i valori di reach/stack e la distanza reale che si avrà tra sella e manubrio (che non sempre va a pari passo con l’orizzontale virtuale). Ciao Sergio

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@gabrireghe In discesa, dando per scontato che non si sta seduti, sei totalmente svincolto dalla sella. I punti di appoggio-riferimento sono quindi piedi e mani, vale a dire piega e pedali. Per questo i discesisti danno da sempre maggior importanza ai valori di reach e stack (se guardi il disegnino sopra la tabella delle geo capisci al volo).
Il discorso orizzontale virtuale è un pelo meno intuitivo da capire, ma in fondo è semplice: il valore è preso ad una determinata altezza della sella. Aumentando la quota di fuorisella, questo valore varia in funzione di quanto il tubo sella è realmente inclinato. Telai con diversi valori di inclinazione del tubo potrebbero quindi avere valori simili di OV ma portare a posizioni in sella anche ben diverse una volta che aumenta la quota di fuorisella.

gabrireghe
gabrireghe

ok grazie ora mi è chiaro. c’è da dire che il valore fornito di OV (diciamo quello standard con fuorisella contenuto) è comunque un primo riferimento per capire se la bici è lunga o raccolta.. poi dipenderà anche dai fattori che dici tu ovvio..cioè a parità di inclinazione tubo sella e di fuorisella se hai un OV più corto la bici avrà per forza una posizione in sella più raccolta.
quindi ok che questa è la teoria generale ma all’atto pratico effettivamente la uj guardando i valori dichiarati sembra bella raccolta, con tutti i vantaggi e svantaggi che comporta

vito e alloggio
vito e alloggio

Esteticamente preferivo le vecchie linee supercrucche, ad essere sincero. Comunque la trovo gradevole. Raw poi, deve essere molto virile 🙂

gotto
gotto

Ancora quel cavo passante sotto il MC, basta Specy, non se ne può più! Quando inizierete a pensare che non è una bella pensata?..ai posteri…

AlfreDoss
AlfreDoss

@zergio tornando al discorso guarnitura, se volessi cambiare quella di serie ma visto che le alternative con doppia sono tutte senza bash mi basta cercare nel catalogo quella che preferisco e poi ci si accorda via email?
La uj è tra le mie papabili in un imminente cambio bici, inutile dire che le alternative sono nella concorrenza già citata sopra, voglio però valutare tutti gli aspetti.

Rose Italia
Rose Italia

ciao,
si, puoi guardare altre guarniture – tipo la Race Face Sixc, Atlas e poi chiedere prezzo via email. ciao
Sergio

gabrireghe
gabrireghe

quando sarà disponibile la root miller super trail come primo montaggio?

Rose Italia
Rose Italia

siamo off topic: la Supertrail è l’upgrade della Root Miller 2. per maggiori info: passare qui

http://www.mtb-forum.it/community/forum/forumdisplay.php?f=192

grazie
ciao

pablos
pablos

Le nuove linee le trovo molto gradevoli, com’ è gradevole il filo diretto con un responsabile, quindi complimenti.

Violator78
Violator78

@ Mauro Franzi- Quando pensi che avremo le impressioni di guida? mi piacerebbe rivederla inserita nella comparativa enduro (o perlomeno avere paragoni e riferimenti agli altri mezzi simili per indole), visto che il comportamento della UJ nella comparativa è stato sfortunatamente falsato da sospensioni non adeguate o difettose. Inoltre pensate sia una caxxata mettere del lubrificante denso (tipo Float Fluid) nella camera positiva per diminuirne il volume e simulare l’utilizzo dei Token?

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Bumbel

Impressioni di guida abbastanza presto, visto che sto già usando la bici. In ottica “test di durata” invece non avrebbe senso dare impressioni nel breve termine.
Reinserirla nella comparativa non la vedo una cosa fattibile, se si vogliono fare le cose per bene. Un conto è infatti provare le contemporaneamente sugli stessi trail, un altro è fare dei paragoni provandola su terreni diversi, ma soprattutto a distanza di mesi. Indicare qual è l’indole ed eventualmente associarla ad altri modelli è invece possibile.
Olio al posto dei token: io non mi fascerei la testa prima del tempo. Ammetto che anch’io non ero molto entusiasta di non poter aggiungere i token, ma devo dire che la Dual Position ha un comportamento più sostenuto (specie sul finecorsa) di quanto mi sarei atteso. Inoltre la regolazione della compressione alle basse (15 click) funziona abbastanza bene.

AlfreDoss
AlfreDoss

Io l’ho fatto sulla mia Fox float 34 e ne ho sentito gli effetti, non vedo perché non si possa fare sulla pike.

AlfreDoss
AlfreDoss

Anzi forse no scusa, perché la pike avendo anche la camera negativa durante il funzionamento andrebbe tutto a finire in quest’ultima, non facendola più funzionare a dovere…

Deroma
Deroma

chissà se è ‘blasonata’!!
cmq sembra un granbel mezzo, sono curioso dal test il feeling con questi formula, non ho le idee molto chiare a riguardo, c’è chi li osanna e chi li odia?

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Deroma I freni inizialmente erano un po’ spugnosi, ora invece lavorano bene sia a livello di feeling alla mano che di prestazioni vere e proprie. E’ vero che c’è chi li decanta e chi non li ama affatto, ma anche a me è capitato di trovare impianti Formula ottimi ed impianti da dimenticare. E non parlo necessariamente di modelli diversi.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@gabrireghe
Sì, il valore di OV è un primo riferimento, ma specie per chi ha parecchio fuorisella trae spesso in inganno. Avendo il cavallo alto io appartengo alla categoria, e più di una volta mi è capitato di pedalare ben più raccolto o disteso di quanto la quota di OV mi avrebbe fatto supporre.
Per quanto riguarda la UJ non direi che si tratta di una bici particolarmente raccolta, non per me quantomeno.

rinaldo1987
rinaldo1987

ciao, quanto alto sei se posso?

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@rinaldo1987 Circa 186 cm

SteP75
SteP75

Per caso avete è in programma anche un test sulle ruote Dt Swiss EX 1501??

Sono ruote che mi piacciono molto, ma si trovano davvero pochi pareri o discussioni sul forum

Grazie!!!

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Barnello83 Il test non è specifico sulle ruote, ma parleremo anche di quelle evidenziando eventuali problemi. Comunque concordo, anche secondo me sono ottime ruote.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@stilgar Con quella combinazione di lunghezza/rise mi sa che non ne ho, però darò un’occhiata.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@sogre
Sono abbastanza fiducioso che l’abbiano dimensionato perchè non si accartocci, ma se dovesse accadere lo scriverò 🙂
Quella che suggerisci tu è un’altra soluzione possibile ed adottata, ma comporta un aumento di peso e l’aggiunta di saldature. Anche qui è una questione di sQuole di pensiero, e d’altro canto non è che Rose si sia inventata nulla di nuovo.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@MarcoM85BG Io credo che la L ti vada bene. Tieni conto che a statura siamo lì ed anch’io ho il cavallo alto. Se però le ultime due lettere del tuo nick identificano la sigla della tua città, la cosa migliore che puoi fare per toglierti ogni dubbio è andarla a provare, visto che non sei troppo distante.

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Si esattamente! Sono di Bergamo, bassa Val Seriana per la precisione. Cioè si possono andare a provare le Rose a Colico qui a Lecco dici? Non ne avevo idea, che bisogna fare? Presentarsi e basta o bisogna sentire prima Sergio? Grazie mille, ottima info! …Pure questa! Rose finora è la migliore come assistenza (e per ora parlo solo di PRE-vendita…), con questa diventano davvero i miei preferiti! Bravi.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@MarcoM85BG Sì, le puoi vedere e provare a Colico. Per tempi e disponibilità modelli però ti consiglio di contattare Rose (anche nella loro sezione: http://www.mtb-forum.it/community/forum/forumdisplay.php?f=192 )

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ottimo!

Rose Italia
Rose Italia

esatto, contattami via email [email protected]
ciao
Sergio

goos ams
goos ams

Ciao,dico la mia visto che sono un fortunato possessore di questo gran mezzo!con 2820€ ho portato a casa la bici dei miei sogni,montato e con accostamenti cromatici di mio gusto! Dunque,rispetto alla bike standard ho montato ruote dt swiss e1700 spline twu tr,trasmissione completa xt,freni completi xt ice tech,manubrio e stem nero da 35mm della spank,monntaggio gomme differente tra ant e post,sost. Anche la sella….la bike è tutta nera e grigia,taglia s ,12’8 kg con i pedali!!

La pedalata è sempre bella rotonda e la posizione in sella specie con la forca abbassata in salità è molto gradevole..le sospensioni lavorano in simbiosi e penso sia merito anche del telaio! In discesa sono soddisfattissimo,stabile,divertente,a volte nei passaggi stretti mi prende in contropiede tanto gira stretto e bene!
Per le linee del telaio,io sono di parte ma dico solo che dal vivo la bici è un’altra cosa!!

Olivetta
Olivetta

Mi servirebbe una info,

come mai dite che la Hans dampf va bene al posteiore e non all’ anteriore?

Avrei detto il contrario

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Olivetta In versione PaceStar, al posteriore è un buon compromesso fra tenuta, scorrevolezza e durata. Davanti non è male sui terreni compatti anche rocciosi, ma su quelli smossi/allentati in piega non da molta sicurezza. Credo dipenda dal profilo stondato con tassellatura laterale poco aggressiva.

Olivetta
Olivetta

Ed io che pensavo di sostituirla al posteriore con il nobby nic per cercare un po’ di scorrevolezza in piu

Un ultima info poi non inquino più il topic

Con cosa la sostituiresti all anteriore ?

Mille grazie

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Olivetta Beh, non ho detto che l’Hans Dampf sia il non plus ultra in termini di scorrevolezza, ma che è un buon compromesso per un utilizzo allround.
Davanti, volendo restare in casa Shwalbe, personalmente monterei un Magic Mary in versione SnakeSkin TL Easy con mescola TrailStar: buona tenuta anche sui terreni allentati e giusto compromesso fra robustezza e peso.

sunrider88
sunrider88

Azz!Adesso mi tocca cominciare a mettere via il budget per un’altra Rose anche perchè sono stufo di sentire mia figlia quattordicenne incensare la sua UJ;che comunuqe ogni tanto le frego con qualche scusa,mi toccherà litigare per chi si piglia quella nuova.

Violator78
Violator78

@ Mauro Franzi scusa l’insistenza, puoi svelare qualche primizia sul comportamento del carro quando incontra lo scassato veloce, magari facendo paragone con Specialized e comunque con altri mezzi che hanno la stessa indole? Immaginando che sia agile, giocosa ed intuitiva , sono curioso di capirne il limite nelle condizioni meno congeniali. Mi piacerebbe sapere anche quanto l’ammo riesca a mitigare il bobbing tipico del giunto Horst (anche in questo caso facendo paragoni). Personalmente se proprio dovessi fare un upgrade, mi piacerebbe (spendendo di più) avere l’alternativa Float X con l’installazione di un controllo remoto, cosa che credo si possa fare successivamente in assistenza; forse sto andando off topic. Grazie!!

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Bumbel
Se rispondo a tutte le tue domande scrivo mezzo test! 🙂
Scassato e sosp posteriore: guarda, il “segreto” con questa bici è di non farsi tentare da valori di SAG contenuti. Se ci si attiene a questa regoletta, la bici se la cava bene anche sui fondi veloci e scassati.
Bobbing: la frenatura del Monarch è meno marcata di quella del Fox (si parla di ammo nuovi, fra qualche mese ti dirò se le cose stanno ancora così), ma più che sufficiente a contenere il bobbing entro limiti più che accettabili (poi dipende sempre da come pedali, con che rapporto etc.).
Il controllo remoto dell’ammo è sicuramente una gran cosa in ambito race. Se però non fai gare con ambizioni di classifica, penso che il costo totale dell’operazione non valga la candela. Fai conto che sono 145 Euro in più di ammo + il costo della modifica da fare in assistenza (che non credo venga regalata). Rischi di non finire troppo lontano dai 300 Euro che ci vogliono per le DT Swiss fatte montare da noi, e fra i due upgrade non esiterei un secondo a scegliere quello delle ruote.

Rose Italia
Rose Italia

“”Scassato e sosp posteriore: guarda, il “segreto” con questa bici è di non farsi tentare da valori di SAG contenuti. Se ci si attiene a questa regoletta, la bici se la cava bene anche sui fondi veloci e scassati.””
esatto infatti abbiamo aggiunto una voce nella scheda telaio/geometrie: sag consigliato 30%. Si mangia tutto in discesa ed in salita, anche grazie al propedal, si fa pedalar bene.

ciao
Sergio

elymaury
elymaury

Volevo prendere la uncle jimbo 1 mi stuzzicava parecchio ottimo rapporto qualità prezzo, ma non sono riuscito a vendere la mia bike così me la sono tenuta e gli ho affiancato una dartmoor primal 29 una bella front da enduro .

Violator78
Violator78

Scusa, ci ho provato;-) ..io non ho ambizioni race, ma mi piacerebbe aver la sicurezza di non staccare le mani dal manubrio sui cambi di pendenza (lo devo comunque fare per la forca). Non trovando altre bici “out of the box” con le caratteristiche che cerco, valuterei l’idea di montare (oltre a quello che hai messo tu) entrambe sospensioni fox (a questo punto roviniamoci;-), X01 , manubrio carbon e la sella da te consigliata (chissà cosa peserà?). Così dovresti andare sui 4100€..ma ora basta perchè sono sicuramente off topic. Rimarrò in trepidante attesa, molte grazie!!!

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Bumbel Ma allora ti conviene andare sulla UJ3, che ti costerebbe pure meno: http://www.rosebikes.it/bike/rose-uncle-jimbo-3-275-2015/aid:739075

Rose Italia
Rose Italia

Se vai nella sezione Rose del Forum, un utente (Mangiabarba) ha messo una foto della UJ 2 con singola, ruote DT Swiss, upgrade freni shimano ed altro… il tutto a circa 3200€ se non ricordo male. ciao
Sergio

Violator78
Violator78

@ Mauro Franzi – provato, ma mi obbliga a tenere le Mavic, mentre io preferirei il canale interno da 25 delle DT ;-)..non che le Mavic mi facciano schifo ( costerebbe pure meno )

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Bumbel Ne sei certo? Io le vedo fra le opzioni. Comunque ti consiglio di chiedere nella sezione Rose sul forum.

Rose Italia
Rose Italia

Per tutte le configurazioni fuori configuratore online, basta chiedere preventivo via email [email protected]

Il configuratore a volte è stupido, non sa che possiamo modificare le DT Swiss anche per pignoni 11 velocità 😉

ciao
Sergio

Rose Italia
Rose Italia

PS: inoltre il configuratore non sa che la Fox 36 ha adattatori per i vari mozzi.

Domingosh
Domingosh

Oggi ho avuto modo di mettere le chiappe sul mezzo in questione
Il montaggio è pressoché analogo ma con le Spank di serie
Il colore Raw è molto bello

Domanda(con premessa): pur avendo settato l’ammo come da setting, 25%-30%, risultava decisamente progressivo pur avendo una iniziale linearità che crea un effetto “cuscino” decisamente piacevole
Però, la corsa utilizzata era decisamente meno di quanto mi attendessi. L’oring aveva ancora un bel centrimetro abbondante di corsa non usata
Verò è che in quel tratto non ci siano salti, ma qualche gradino e qualche asperità la si trova
Il debonair ha dei token?

Cmq, pur avendola testata per un breve tratto di sentiero-mulattiera valsusina, questa UJ risulta decisamente piacevole, immediata e ben bilanciata

goos ams
goos ams

Sono alla sesta uscita e giá da 2 ho adottato un sag del 27% dietro al posto del 30 iniziale.. Pur non avendo mai fatto fondocorsa secchi al 30 usavo tutta la corsa su percorsi misti ma non troppo impegnativi con un paio di drop da 50/60 cm.. Adesso mi trovo meglio ma comunque non ha perso affatto rispetto a prima .. Discorso pike da un sag iniziale del 30 sono passato a 25 e poi 20 perché a fare qualche nosepress affondava troppo per il mio stile di guida e comunque come per l’ammo usavo tutta la corsa senza fare cose troppo esose.. Nota di merito, nonostante un sag alto non ho mai avuto la senzazione di essere buttato in avanti! Deduco che quote e geometrie del telaio perdonano moooolto!! Sempre più soddisfatto dello zio jim :—-)

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@goos ams
Che ammo monti? Monarch o Float?

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Domingosh
Premessa: io misuro il SAG sedendomi sulla sella posizionata ad altezza della piega. Questo non per aprire una discussione su come misurarlo o per dire che il mio metodo è quello giusto (solitamente non si misura così), ma solo per capirci.
Dopo un paio di uscite durante le quali insistevo con valori di SAG troppo bassi (circa il 25%), ho trovato la quadra portandolo al 30%. In questo modo sfrutto buona parte della corsa anche senza fare grossi salti o drop. Per fare un esempio: o-ring a 59 mm dei 63 mm disponibili nel giro di ieri sui sentieri attorno a casa, roba piuttosto tranquilla ma con un paio di saltini.
Tenere un SAG del 25% come durante le prime uscite significa dover salire parecchio con la pressione dell’aria e ritrovarsi una sospensione parecchio nervosa. A meno di non voler fare un settaggio specifico per salti o drop di una certa entitò, in pratica non ne vale assolutamente la pena. A maggior ragione perché in salita non cambia il mondo. Per un utilizzo solo discesistico (giornate in bp o furgone) penso che si possa tranquillamente salire anche al 35% di SAG.

EDIT: nessun token, me l’hanno confermato ieri
EDIT2: probabilmente lo sai già, ma per scrupolo: occhio che il finecorsa del Monarch non è a fine stelo

goos ams
goos ams

@mauro franzi ho il monarc e tu hai espresso il mio stesso concetto 🙂 ho voluto provare a dare 15psi in più e mi trovo comunque bene 🙂 ps: dicevi che il fondocorsa del monarc non è a fine stelo.. Allora dovè? Grazie,ciao ciao

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@goos ams Una manciata di mm prima. Per trovare il punto esatto basta che misuri 63 mm dalla fine del barilotto.

Domingosh
Domingosh

@muldox non lo sapevo. Ora i conti tornano

Domingosh
Domingosh

@goos ams se puoi, prova ad aggiungere un token alla pike
avrai una forka piu progressiva

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@goos ams @Domingosh

Visto che stavo caricando la bici in macchina ho approfittato per una misura veloce: dai 63 mm del finecorsa alla fine dello stelo (punto in cui comincia a stondare) sono circa 4 mm.

@Dom: nella Dual Position i token non ci vanno (non c’è fisicamente lo spazio). Come scritto più sopra c’è chi modifica gli originali per farceli stare, ma ovviamente non si tratta di una modifica “ufficiale”. Io comunque non la trovo una forcella particolarmente “loffia”.

Domingosh
Domingosh

Mai detto che sia loffia
Dico solo che su soggetti pesanti (es.) sulle solo air aggiungere un token non va male
Non avevo capito che @goos ams avesse anche lui una dual air