Gee Atherton sulle creste dolomitiche

31

Gee Atherton porta la sua famosa serie “Ridgeline” sulle Dolomiti. Alcuni posti li dovreste conoscere dai video di Steve e Mike.



.

Fin dalla prima ora della prima realizzazione del filmato originale della Ridgeline, il sogno è stato quello di portare questo concept nei luoghi più incredibili del mondo. La possibilità di trovare catene montuose fantastiche e remote dove metterci alla prova fino al limite… per esplorare davvero ciò che è possibile fare su una moto e come filmare le riprese più straordinarie… è stato come un commento continuo per tutto il progetto“.

Questo film si differenzia dai precedenti per il fatto che il team “non ha mosso una pietra”. Si trattava di un’esplorazione con gli amici, un’avventura in montagna, dove Gee avrebbe pedalato su qualsiasi cosa avessero trovato, compresi alcuni dei terreni più impervi della serie fino ad ora. E c’è da pedalare, anche se a velocità da gara e a pochi centimetri da un precipizio…

I lavori sono iniziati a giugno con una ricognizione del sito dove è apparso subito evidente al team che erano “fuori montagna”. Non c’era modo di evitare lunghe escursioni in montagna che potessero o meno portare alla scoperta di un piccolo tratto di singletrack con il tipo di paesaggio circostante che avrebbe reso possibile una grande ripresa. Lunghe giornate nella neve fino alle ginocchia erano seguite da notti passate a scrutare le mappe IGM e a cercare di dormire e fare il pieno di carburante prima di un altro appuntamento all’alba…

Le riprese si sono svolte questo agosto in condizioni climatiche decisamente meno ostili, ma l’accesso ai luoghi di riding ha richiesto escursioni di quattro ore, arrampicate in cordata, scale e calate. Il team è stato caricato di attrezzatura fotografica, droni, scorte di cibo e della bicicletta di Gee, ridotta a telaio, manubrio e ruote per dividere il carico. È stata la settimana più impegnativa della serie, sia dal punto di vista fisico che mentale, in cui il senso dell’avventura e la genuina preoccupazione per la propria sopravvivenza hanno spinto la squadra ad andare avanti alla ricerca di alcune delle scene più incredibili che abbiano mai girato.

Gee ha dichiarato che fin dall’inizio sapeva che avrebbe girato questo montaggio a bordo della Atherton AM.170: “È abbastanza robusta da resistere agli impatti sulle pareti rocciose mentre viene trainata su un precipizio con una corda, è più leggera da portare in montagna rispetto alla mia bici da DH, pedala benissimo ed è “abbastanza bici” per affrontare ogni centimetro del terreno ripido e roccioso“.

Era accompagnato dal “braccio destro” Jamie Robertson e dal fotografo Dan Griffiths (Moonhead Media), che hanno seguito il progetto fin dall’inizio, ma in un terreno così pericoloso hanno coinvolto anche Brodie Hood, uno specialista dell’alta quota e dell’avventura. Brodie è uno dei pochi cineasti a volare con i droni in cima all’Everest, uno scalatore esperto e membro della squadra di soccorso alpino di Lochaber.

Stranamente, uno degli aspetti più difficili da gestire per il team è stato il fatto che durante le lunghe giornate in montagna hanno iniziato a diventare insensibili all’esposizione e a perdere quella “paura che preserva la vita”. Il primo giorno di riprese Gee si muoveva a piccoli passi lungo un percorso superesposto, ma al terzo giorno sprintava come se non ci fosse un salto di 300 metri a pochi centimetri alla sua sinistra. Brodie e il suo collega Matt McCormick della troupe di Paddy Graham “Legs of Steel” hanno portato una profonda conoscenza delle montagne che ha mantenuto il team sulla retta via.

Come ha detto Gee: “Avere Brodie con noi ci ha tenuti in vita! Ma significava anche che potevamo dire di sì a cose che non avremmo affrontato da soli… C’è una sequenza alla fine del video in cui scendo da una cresta al tramonto: è assolutamente stupefacente, ma era così ripida ed esposta e le potenziali conseguenze erano enormi. Dan e Jamie erano stati entrambi con me durante le riprese di “Knife Edge” e le sue conseguenze, quindi ho capito che erano molto combattuti nell’incoraggiarmi a lavorare vicino al bordo del precipizio; ma Brodie ha ideato un sistema di imbracatura che mi ha permesso di esercitarmi a controllare la velocità mentre lui allentava la tensione finché non mi sentivo a mio agio. La sezione del filmato in cui pedalo più lentamente, facendomi strada lungo il crinale, è stata in realtà la più impegnativa di tutte.

Gee ha riassunto il viaggio dicendo: “Andare in posti più grandi di noi, dove dobbiamo dare il meglio di noi stessi, è sempre bello – penso che abbiamo dimostrato il potenziale per portare questo progetto a livello globale e già non vedo l’ora di sapere cosa ci aspetta“.

Foto di Moonhead Media.

Commenti

  1. DIRT RIDER:

    ma perchè rispondi a razzo? se si vede chiaramente il bus della ferrata Olivieri/Aglio alla Tofana di mezzo ed il Rifugio Pian di Cengia alla Croda Fiscalina.... Poi vabbè c'è di tutto inclusa la Marmolada alla fine, dove si intravede il Sella sullo sfondo...
    Perché c'è sempre chi non ha nulla da dire, ma si sente in dovere di dirlo ugualmente...
    Dove il Sella? Non sono riuscito ad individuarlo. Invece si intravede bene il Sas dla Crusc a 1:07... visto da dove? Forse dal Puez?
Storia precedente

I rider della Redbull Rampage 2023

Storia successiva

Nuove scarpe Dainese Materia e Acto

Gli ultimi articoli in News

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…