Nuova Trek Top Fuel: sempre più trail oriented

38

Con l’avvento della Supercaliber nel 2019, la Top Fuel, dopo 15 anni di onorata e vittoriosa carriera come full suspended da cross country nelle massime competizioni mondiali, è stata aggiornata con una concezione più marathon, downcountry secondo il trend di quel periodo. Oggi Trek presenta il nuovo modello di Top Fuel che diviene ancora più aggressiva e votata pienamente all’utilizzo trail, con geometrie più discesistiche, maggiore escursione e numerosi dettagli che sono stati introdotti inizialmente sulla Slash. Andiamo a scoprirne tutti i dettagli.



.

Innanzitutto la nuova Top Fuel mantiene la caratteristica di essere disponibile con telaio sia in fibra di carbonio che in lega di alluminio. Il formato ruote, se servisse specificarlo, è ovviamente da 29″ per entrambe le ruote e per tutte le taglie. L’escursione sale a 120mm per la ruota posteriore e 120mm o 130mm per quella anteriore, in base agli allestimenti.

Le geometrie seguono il trend attuale e vengono declinate per la destinazione d’uso aggiornata della nuova Top Fuel, con un angolo di sterzo più disteso di ben 1.5° (2° con forcella da 130mm), reach più lunghi, angolo sella più verticale e l’inserimento di due nuove taglia, la XS e la XXL.

Non serve precisare che il sistema di sospensione resta il tradizionale ed efficiente ABP di Trek, rivisto per quanto riguarda la curva di compressione e la quota di anti-squat, rendendo la Top Fuel, secondo Trek, ancora più efficace in pedalata rispetto al modello precedente.

Forcelle e ammortizzatori utilizzati in ogni allestimento, sia Fox che RockShox, sono modelli specifici da trail. Gli ammortizzatori sono standard, per cui Trek non ha optato per le tecnologie RE:Aktiv o Thru Shaft.

L’ancoraggio inferiore dell’ammortizzatore ospita il flip chip Mino Link che consente di variare l’angolo di sterzo di 0.5° e l’altezza del movimento centrale di 8mm.

La nuova Top Fuel adotta lo storage all’interno del tubo obliquo che Trek ha già proposto sulla Fuel EX e sulla Slash. È disponibile su tutti i telai, sia quelli in carbonio che quelli in alluminio.

Il Knock Block, il fermo che evita la rotazione completa del manubrio in caso di caduta, è stato aggiornato sulle orme di quello della Slash, con 72° di rotazione su ciascun lato rispetto ai 58° della precedente versione.

Infine anche il tubo sella è cresciuto di volume adeguandosi a quello della Slash e ora ospita reggisella telescopici da 34.9mm di diametro mentre il movimento centrale adotta calotte filettate BSA.

Il tubo obliquo è protetto da un guscio avvitato al telaio e quindi removibile mentre il chainstay è riparato da un batticatena preformato in gomma.

Allestimenti e prezzi

Top Fuel 9.9 XX1 AXS P1 – €11.999
Top Fuel 9.9 XTR P1 – €9.999
Top Fuel 9.8 GX AXS P1 – €7.799
Top Fuel 9.8 XT P1 – €7.099
Top Fuel 9.8 GX P1 – €7.099
Top Fuel 9.8 XT – €6.499
Top Fuel 9.7 – €5.129
Top Fuel 8 – €4.099
Top Fuel 7 – €3.389
Top Fuel 5 – €2.569

Top Fuel C telaio – €3.999
Top Fuel Al telaio – €2.299

Per le specifiche dettagliate di tutti gli allestimenti cliccate qui: Top Fuel MY22

Trek Bikes

 

Commenti

  1. Bella bici, da possessore del "vecchio" modello non posso non notare come perde la versatilità di essere una bici da gara e da divertimento insieme... Chissà come riempiranno il vuoto tra supercaliber e questa?
  2. SnakeRock93:

    2569 € per avere un telaio in alluminio e un cambio shimano Deore, ma dove andiamo a finire? :nunsacci:
    peso: 15.52 kg :loll:
    In effetti una bici del genere con quel peso perde completmente senso...
Storia precedente

Dolomiti Paganella Bike aperto fino al 1° novembre

Storia successiva

Nuova Specialized Crux: la gravel più leggera del mondo

Gli ultimi articoli in News

Nuova DVO Diamond 36

DVO presenta la nuova Diamond 36, una forcella per ruote da 29 pollici con escursione 140-150…